Email
Password
Iscriviti gratuitamente al Fans Club Ufficiale!
Maggiori informazioni
 
CD Audio
Musicassette
 
 
 
25/07/2008
Programma Televisivo "Napoli Prima e Dopo" - Rai Uno - ore 21,00
10/10/2007
Aggiunto un nuovo filmato nella sezione Video
07/10/2007
Attivato il servizio ecommerce sul sito ufficiale di Mario Merola!
09/08/2007
Ripristinato il servizio CHAT!
 
  Archivio news  
 
 
Condizioni di vendita
Modalità di consegna
Garanzie ed assistenza
Tutela della privacy
Domande frequenti
 
Problemi ad ordinare sul nostro sito web?
Puoi anche compilare il buono d'ordine ed inviarlo via fax o per posta
Clicca qui per scaricarlo
CSS Valido!
 

Sarebbe presuntuoso parlare di Francesco senza ammettere che la sua strada di artista ha seguito passo su passo il sentiero tracciato dal padre Mario.
Così come è facilmente intuibile che la strada di Francesco non sarà proiettata verso un successo scontato proprio in conseguenza della figura imponente del padre con cui molto spesso Francesco divide il palcoscenico.

E' così che in un gioco alterno di chiaro- scuri, Mario dà a Francesco gran parte della luce di quella ribalta, mettendolo talvolta in ombra per quel cognome che li accomuna ma che una diversa storia per ora li pone su un piano diverso.
E' una eredità artistica non gratuita per Francesco oggi trentenne, che però la accetta con amore e con orgoglio.

L'amore per quel padre già famoso quando lui era bambino e che gli aveva già trasmesso la passione per il canto, per la musica, per il teatro, per l'arte.
Francesco debutta proprio in una situazione di necessità, quando Mario, convalescente da una seria malattia, era stato chiamato dall'allora Sindaco di Napoli Bassolino, a festeggiare con tutta la città il 70° compleanno dell'artista, chiedeva al figlio di cantare con lui quelle canzoni del suo grande repertorio, per una sorta di appoggio fisico e morale.

Possiamo immaginare con quale misto di emozione, di gioia, di orgoglio il giovane Merola affrontava una prova così impegnativa, forte del fatto che la decisione del padre non era sostenuta solo da un gesto di amore, ma anche dalla grande esperienza dell'uomo di palcoscenico, che mai dividerebbe la scena con chi non ha talento, fosse anche il figlio.

Da quel concerto memorabile è nata una stella ed è nata la consapevolezza di Mario che Francesco era il naturale erede della sua arte. Mario e Francesco recitano insieme in teatro ne "Il lungo viaggio continua" in tournee oramai da oltre un anno. Anche in concerto i due "Merola" alternano le loro canzoni con duetti di grande forza interpretativa e vocale.

L'attività di Francesco cantante raccoglie già importanti successi discografici. Il suo album "Dedicanto" è "Disco d'oro" con oltre 40.000 copie vendute e certificate dalla S.I.A.E.. Fanno seguito tre CD singoli , hit delle radio presentate in varie performance televisive.

Il suo ultimo lavoro discografico è un CD dal titolo "Messaggio personale", album di canzoni scritte e prodotte in studio da Gigi D'Alessio che si è avvalso della collaborazione del suo team di autori e musicisti per dare a Francesco la stessa spinta emozionale e creativa che lo ha portato a un così grande successo. Gigi, come tanti giovani artisti napoletani, deve molto a Mario Merola, che lo ha "consacrato" con una sorta di battesimo artistico. Gigi lo considera come un padre ed è per questo che Francesco è per lui "un fratello d'arte". Vediamo quindi che il percorso artistico di Francesco vive di amorevoli "cure", ma siamo sicuri che la sua maturità professionale è già in grado di farlo camminare da solo verso l'orizzonte del grande successo.

Ascoltiamo "Perdonami" il primo brano in lingua pubblicato come singolo, per scoprire insieme la linea musicale scelta dai suoi produttori e la versatilità di questo giovane grande artista.

Francesco debutta appena ventiduenne a Lugano con uno spettacolo intitolato " 'A città 'e pulecenella". Il riferimento a Pulcinella, maschera indissolubilmente legata a Napoli ha un sottile, e non poi così tanto, risvolto provocatorio: "il mondo ci vuole con questa maschera", come recita anche il buon Pirandello, e in quest'ottica Francesco presentò una rilettura di pietre miliari con grande maestria.

Il giovane Merola nasce con e dentro la musica…come si suol dire cresciuto a pane e musica e continua nel corso degli anni a perfezionarsi sino a quando nel Ferragosto del 1998, in un concerto a Porta Capuana, davanti a tutta Napoli con Bassolino in testa, Francesco si esibisce con suo padre.
"Una sensazione indimenticabile" ha dichiarato il re della sceneggiata "un traguardo che ogni uomo, ogni padre dovrebbe raggiungere".
Possiamo immaginare con quale gioia nel 2001 i due, padre e figlio, hanno vinto il Festival della Canzone Napoletana con la stupenda "ll'urdemo emigrante"
Da quell'evento nasce la collaborazione dei Merola con la Cristiani Music che, con analoga passione, segue e organizza ogni loro attività.

Ed " il lungo viaggio continua"……….senza fine e sosta………..!!!Sì, perché questo è il titolo dello spettacolo teatrale che vede Francesco Merola impegnato con Mario Merola nel raccontarci con passione il percorso di vita e arte del grande padre.

L' uscita del nuovo lavoro discografico di Francesco Merola "Messaggio Personale", è prevista per Maggio 2006.
Il Cd/Album contiene otto brani in italiano scritti dal binomio vincente: Gigi D'Alessio e Vincenzo D'Agostino unitamente a una poesia in musica del celebre Totò ('A Passiona mia erano 'e rrose) e un pezzo internazionale del repertorio classico napoletano (Indifferentemente)
Il team di realizzazione dell'album è quello di Gigi D'Alessio con arrangiamenti e direzione di Adriano Pennino.